Roccascalegna, Abruzzo

Roccascalegna: un amore sospeso

Indice

 

 

A meno di un’ora da Roccaraso, con i suoi 430 metri s.l.m., Roccascalegna è meta turistica e culturale davvero degna di nota.

Il borgo si identifica nel suo castello, il suo cuore pulsante.

 

Roccascalegna: castello leggendario

Il castello ha origini medievali e proprio dove sorge oggi, i longobardi fecero dapprima erigere una torre d’avvistamento, che oggi spicca nel cielo.

Chiamato dagli abitanti ‘la rocca’, il castello domina la valle del Riosecco e dell’Alto Sangro, dall’alto di un imponente sperone di roccia, come se davvero fosse sospeso nell’aria.

Attualmente è un importante centro culturale, che ospita mostre temporanee e convegni.
Ma è anche teatro di splendidi matrimoni, sia civile che religiosi, grazie alla vicinanza della chiesa di San Pietro.

Ti svelo una curiosità. Il percorso che a piedi ti conduce fino all’ingresso del castello, visitabile a pagamento, è caratterizzato da colorati disegni di animali che abbelliscono le cassette di copertura delle varie utenze.
Un’idea davvero carina.

 

Roccascalegna art

 

Il Castello, per la sua bellezza e la sua storia, è stato anche location della famosa fiction raiIl nome della rosa‘.

 

La leggenda della mano fantasma

Nel 1646, il signore del castello di Roccascalegna, Barone Corvo De Corvis, introdusse lo ius primae noctis, obbligando la futura sposa a passare con lui una notte d’amore.

Nessuno voleva accettare una simile imposizione e così una giovane coppia, studiò un piano per eliminare il Barone.
Fu così che il marito della fanciulla, facendosi passare per la donna (oppure la donna stessa, questo non è chiaro), si ritirò con il Barone nelle sue stanze e proprio lì lo uccise a coltellate.

Fuggendo, lasciò l’impronta della sua mano sporca di sangue, sul portone del castello.
Negli anni seguenti ed anche oggi, quell’impronta continua ad apparire.
Ed anche se nessuno l’hai mai vista, gli anziani di Roccascalegna giurano sulla verità di questa storia.

 

Il castello di Roccascalegna in Abruzzo

 

Roccascalegna: da vedere e da fare

Oggi il borgo è bandiera arancione del Touring Club d’Italia e fa parte della associazione nazionale delle città del miele.
Anche l’aspetto artistico di Roccascalegna merita attenzione, grazie alle varie chiese: San Pancrazio, San Pietro, San Cosma e Damiano.

In estate, ma non solo, è d’obbligo visitare il castello, per un emozionante viaggio nella storia, godendo da quell’altezza di panorami indimenticabili e del profumo inebriante dei fiori lungo il cammino.
In inverno sono sicuramente da visitare i mercatini di Natale, nello scenario spettacolare del castello.
Interessante è poi una gita sul vicino lago di Bomba, affascinante anche nella stagione più fredda.

 

Il profumo inebriante dei fiori a Roccascalegna

Roccascalegna: da non perdere

I sapori della cucina locale sono semplici e sostanziosi.
Da provare i ‘cannarozzetti allo zafferano‘ e la ‘ndocca ndocca‘ con carne di maiale e spezie locali.

Tra un piatto e l’altro, non perdere il ‘Roccascalegna in festival‘, una rassegna di musica classica e d’autore, ma anche la ‘Notte sotto le stelle‘, il cui ingrediente principale è la musica popolare.

 

Il castello magico di Roccascalegna

 

Scopri anche il borgo medievale di Palena e l’itinerario #toccalabellezza Bellezza naturale“.

 

 

Ti aspettiamo in Piazzetta, per scoprire insieme l’Abruzzo nascosto.

 

Resta sempre aggiornato sui nostri itinerari, guide, consigli ed offerte iscrivendoti alla nostra newsletter “Lettere dalla Piazzetta”!

 

 

Tags: