Rivisondoli, il belvedere di San Nicola

Rivisondoli: il piccolo borgo stellato a due passi da Roccaraso

Rivisondoli, un borgo piccolo ma grande.

 

Lo chef tristellato Niko Romito e il celebre presepe vivente, illuminano la storia del paese.

 

Il presepe vivente a Rivisondoli

 

Un appuntamento irrinunciabile per chi si trova a Roccaraso e dintorni la sera del cinque gennaio di ogni anno.

Una manifestazione che dipende ma al tempo stesso prescinde dalla religione.

 

La natività messa in scena sulla Piana di Piè Lucente è talmente affascinante da coinvolgere chiunque.

 

La località è facilmente raggiungibile in auto da Roccaraso, ma i più temerari possono optare per una passeggiata invernale sul viale pedonale di collegamento con Rivisondoli, che parte dietro il Palaghiaccio di Roccaraso.

 

Il presepe vivente, Rivisondoli lo inscena ormai da moltissimi anni e quella del 2020 è stata la 69^ edizione.

 

Il Presepe Vivente di Rivisondoli

 

La tradizione vuole che il Bambin Gesù venga interpretato dall’ultimo nato nella comunità rivisondolese.

Il ruolo della Madonnina, invece, viene assegnato l’otto dicembre di ogni anno, nel giorno dell’Immacolata Concezione.

 

Lo spettacolo richiama sempre migliaia di visitatori che, per credo o per curiosità, si assiepano nel parterre predisposto dinanzi la capanna ove si celebra la Natività.

 

La curiosità è che per questa volta i panni di San Giuseppe sono stati indossati dal noto attore napoletano, Fabio Fulco.

 

Ma Rivisondoli non è solo questo.

 

Gusto stellato: Niko Romito

 

Rivisondoli è il paese natale del celebre e tristellato chef Niko Romito che proprio qui, con il

ristorante Reale, si è affermato come un’eccellenza del settore.

 

Ha in seguito spostato il centro della sua attività nella vicina Castel di Sangro, presso il Casadonna Reale, in un ex convento ristrutturato.

Qui sorge non solo il ristorante, ma anche l’accademia di cucina professionale e nove

camere di charme.

 

Resta a Rivisondoli l’ambito ‘Spazio’ un ristorante-laboratorio dalla formula moderna, che vede gli allievi dell’accademia impegnati non solo in cucina ma anche in sala.

 

In estate è da non perdere ‘il giorno delle bombe’, quando viene servita una superba colazione a base di deliziose bombe: ma attenzione, accade solo un giorno e solo in agosto.

 

La bomba stellata di Niko Romito

 

Un po’ di storia di Rivisondoli

 

Rivisondoli è un borgo fortificato di origini medievali, di quasi mille abitanti.

Si trova ad una altezza di 1.300 metri s.l.m., ad appena 4 minuti da Roccaraso.

 

La sua storia più recente ha l’evento cardine alla fine dell’800, quando Rivisondoli entra

nel ‘circuito ferroviario‘ della linea Sulmona-Isernia, diventando la più alta stazione

ferroviaria d’Italia dopo il Brennero.

 

Ma l’exploit avviene agli inizi del ‘900 con l’arrivo del re Vittorio Emanuele, la cui presenza favorì l’ascesa del borgo come località sciistica, nota in tutta Italia.

 

 

Cosa vedere a Rivisondoli

 

Rivisondoli è caratterizzato da un centro storico fatto di vicoletti e scalini, dove perdersi e ritrovarsi è un’arte che fa bene al cuore.

 

Sono senz’altro da visitare il Santuario della Madonna della Portella e la Chiesa di San Nicola.

 

Chiesa di San Nicola a Rivisondoli

 

Ma Rivisondoli è anche un centro termale in forte ascesa.

L’acqua che alimenta la sua struttura ‘Terme Alte’, sgorga a 1400 metri dalla sorgente di Fonte Strapuzio.

 

Cosa fare in inverno

 

Rivisondoli è anche il borgo dello sport, poiché in inverno si può praticare lo sci presso la

stazione di Monte Pratello, che fa parte del comprensorio sciistico di Roccaraso-Alto Sangro, tra i più importanti d’Italia.

 

Inoltre ci si può avventurare in escursioni emozionanti, con le ciaspole, anche in notturna, o con il nordic walking.

 

Cosa fare in estate

 

Rivisondoli nella bella stagione si presta a facili escursioni a piedi, in bici o mountain bike o a percorsi più avventurosi nel recente e moderno bike park.

 

Inoltre sono possibili gite a cavallo e si può anche scegliere di fare una bella passeggiata rigenerante, anche raggiungendo Roccaraso attraverso la pista ciclabile e pedonale che collega velocemente i due paesi.

 

In estate tra i comuni di Rivisondoli, Roccaraso e Pescocostanzo, si svolge la gara podistica ‘Dei tre comuni’ che richiama migliaia di atleti da tutta Italia, anche nota come la ‘corsa dei 300 gradini’, percorrendo i quali i partecipanti raggiungono il centro del paese.

 

Rivisondoli, il piccolo grande borgo.

 

 

Scopri anche cosa fare a Roccaraso in Inverno e dove sciare.

 

Stacca la spina, vieni a ricaricarti in Piazzetta e scopri questi meravigliosi borghi!

Prenota subito la tua stanza!

 

PRENOTA ORA

 

 



WhatsApp chat